Zero motivi per non scrivere un manuale

Non esistono motivi per non scrivere un manuale, ovvero un libro che contenga il tuo sapere. Un libro smart, di facile consultazione, una vera manna dal cielo per il lettore che ha bisogno di informazioni in un campo che tu conosci perfettamente.

Cos’è un manuale? È una pubblicazione in cui un determinato argomento è esposto in modo chiaro ed esauriente. Chiaro perché il lettore deve capire e utilizzare le informazioni raccolte a proprio vantaggio. Esauriente perché la qualità è sempre un requisito fondamentale in editoria, figuriamoci quando si tratta di insegnare qualcosa a qualcuno.
Nel mercato librario, i manuali funzionano: lo sapevi che molti lettori li preferiscono ai romanzi?

Zero motivi per non provare a scrivere un manuale

Se vieni dal mondo imprenditoriale, è facile che la tua dialettica sia fantastica. Ti riesce benissimo parlare di argomenti inerenti il tuo lavoro in pubblico, in riunione oppure di fronte a platee numerose. Sei un ottimo oratore, conosci le tecniche per coinvolgere chi ti ascolta, a volte ti chiedi perché nessuno ti ha mai chiesto di condurre un programma televisivo – forse, l’occasione arriverà.
Eppure, quando ti cimenti con carta e penna – che è la versione romantica di desktop e tastiera – dopo cinque minuti preferiresti piuttosto pulire i vetri di tutto il condominio. Be’ scrivere è un mestiere complesso, non a caso c’è chi lo fa di professione. Ma puoi riuscirci anche tu, con (molto) impegno e (tanto) mestiere.

Consigli pratici

Visto che, da una parte, riconosci l’importanza di mettere per iscritto le tue conoscenze nella materia che padroneggi – un manuale a tuo nome sarà un fantastico biglietto da visita nella tua professione e un efficace strumento per consolidare la tua presenza nel mondo del lavoro – ma, dall’altra, pensi di non poter trionfare sul foglio bianco, ti invitiamo a non arrenderti.

Ecco, a nostro parere, cosa dovresti fare prima di cominciare a scrivere:

  • Scegli il tuo lettore: da questa scelta dipenderà tutto il resto.
  • Seleziona i temi micro all’interno dell’argomento macro, orientandoti verso una minore o maggiore complessità degli argomenti stessi: per intenderci, se il tuo lettore non è super esperto della materia trattata, non avventurarti in spiegazioni troppo tecniche e cervellotiche.
  • Individua il lessico giusto a seconda del target a cui intendi rivolgerti.
  • Fin dalle prime battute, progetta il tuo manuale con un/a esperto/a di book design e di grafica, che ti darà le indicazioni utili per impaginare i testi in modo vivace e facilmente fruibile, così da risparmiare al tuo lettore la noia di un manuale piatto, insulso, uguale a tanti altri già visti. Devi battere la concorrenza non solo sulla forza dei contenuti, ma anche sul modo di proporli nel formato più adatto e accattivante.
  • Non fare tutto da solo: il rischio di sprecare il tuo sapere in un libro confezionato male è molto alto. Dietro a un manuale lavorano tante persone: primo tra tutti, tu con il tuo sapere, ma anche l’editor, il correttore bozze, i già citati book designer e grafici, oltre al tipografo. Fuggi a gambe levate dalla tentazione del self-publishing e affida il tuo prezioso lavoro a un bravo editore. Solo così sarai sicuro che le tue conoscenze, raccolte e scritte a seguito di sforzi immani e di vetri condominiali rimasti sporchi, siano pubblicate nella veste che meritano. Indosseresti mai una T-shirt e un paio di bermuda per partecipare a un evento di gala?

Il tuo manuale merita un vestito da urlo, che i tuoi concorrenti invidieranno!

Dai un occhio alla nuovissima collana Zero motivi che noi di ProgettoLibro abbiamo realizzato in collaborazione con Edizioni Terra marique. Contenuti di qualità e una veste grafica leggera al servizio del tuo lettore e del tuo business!
Immagini create da jcomp – freepik.com