Le descrizioni, ovvero una questione che è bene mettere subito in chiaro

Le descrizioni sono un tema che si accende spesso durante i corsi di scrittura dibattiti: quanto è importante, persino doveroso, descrivere con cura luoghi e ambienti, reali o immaginari che siano? Anzi, tanto più se sono immaginati dall’autore, il quale ha l’obbligo di far orientare correttamente il lettore negli spazi fisici della sua storia. Sono d’accordo. Bisogna che il lettore si orienti in modo corretto nello spazio costruito dallo scrittore, bisogna che anche quest’ultimo si senta a suo agio nel suo ambiente narrativo.

Le descrizioni nel Fantasy

Proprio mi arrendo quando mi imbatto nei patiti del genere Fantasy, con le sue varie declinazioni, essendo abituati, quindi inclini, a sorbirsi pagine e pagine di descrizioni come se non ci fosse un domani. Mai e poi mai oserei dire che tali descrizioni sono inutili. Per carità! Sono aspetti fondanti di un genere letterario da centinaia di pagine per titolo, vanno bene così. Avrei invece da obiettare se il genere fosse un altro o semplicemente se la trama non richiedesse una tale dovizia di particolari, per cui se decidessi di saltare da pagina 40 a pagina 49 non mi perdessi niente, un po’ come se non guardassi tre mesi di Beautiful.

Consigli pratici di scrittura

Noi di ProgettoLibro ci occupiamo di scrittura dalla mattina alla sera.
Possiamo aiutarti a definire quanto debbano essere dettagliate le tue descrizioni.
Affida a noi il tuo manoscritto, faremo un’ottima attività di editing.

Dai un occhio al sito di Edizioni Terra marique per pubblicare il tuo manoscritto!

Per approfondire il ghost writing, guarda il video sul nostro sito GustaLibro